Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Una follia trasparente




UN VIAGGIO NELLA FOLLIA, «GIU’ IN FONDO» DI LEONORA CARRINGTON

Dal sito di Adelphi.it

La prima uscita è del 1945, quando si era appena conclusa la Seconda Guerra Mondiale. Parliamo del romanzo Giù in fondo di Leonora Carrington pubblicato da Adelphi. Un viaggio nei meandri della follia. La storia che viene raccontata è ambientata durante la guerra. Una giovane donna traversa il confine spagnolo per sfuggire ai tedeschi, viene risucchiata in angosciose avventure e infine si ritrova in un manicomio che è teatro di fatti stupefacenti. Una scatola di cipria, il rossetto, la bottiglia di acqua di Colonia diventano astri di un cosmo in preda alle metamorfosi. Un complotto infernale ordisce trappole. Una cappa di ipnosi grava sul mondo. Le cose hanno perso la loro naturale opacità: tutto ha senso, tutto rimanda a tutto, tutto esige feroci e matematici rituali. Una colla erotica si attacca agli oggetti e ai personaggi.

Giù in fondo, come ha scritto Breton, è la storia di «uno di quei viaggi da cui si hanno poche probabilità di tornare», raccontato con «precisione sconvolgente». Leonora Carrington ci accompagna «giù in fondo» nella follia come in un giardino di orrori e meraviglie – e ci riconduce indietro appena in tempo perché sia evitato, ci dice, «il disastro nella liberazione dello spirito». Questo piccolo libro, di un’intensità ammaliante, è un frammento di quella prosa che i surrealisti avrebbero voluto scrivere e non hanno quasi mai scritto. Come pochi altri, la Carrington sa guardare tutto con un doppio sguardo: il mondo che si pretende normale con lo sguardo folle e il mondo folle con lo sguardo sobrio, come se fosse – osservava ancora Breton – «munita di un permesso di circolare a volontà nei due sensi».

Leonora Carrington fu una scrittrice e pittrice inglese, che trascorse gran parte della sua vita in Messico. Nata nel 1917 a Lancaster, nord-ovest dell’Inghilterra, si trasferì molto giovane in Francia, dove aderì al surrealismo frequentando ambienti antifasciscisti. Con l’invasione tedesca riparò in Spagna dove venne ricoverata in manicomio e fu proprio lì che scrisse Giù in fondo.

È morta a Città del Messico nel 2011, all’età di 94 anni.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: